GENNAIO 2022

Contributi & Incentivi

Un nuovo anno è iniziato e in questa pagina potete trovare una panoramica degli incentivi pubblici attivi per le imprese.

Professione Impresa è come sempre a Vostra disposizione per supportarVi nella valutazione degli strumenti di finanziamento e accompagnarVi nella presentazione delle domande di contributo.

NOVITA’ PER LE IMPRESE

 

-FONDO IMPRESA DONNA

Il Fondo Impresa Donna è operativo: è stato infatti pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale che dà il via alla misura per incentivare la partecipazione delle donne al mondo delle imprese, favorendo l’avvio di nuove attività imprenditoriali e la realizzazione di progetti innovativi, attraverso contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.
Il Fondo mette a disposizione risorse per 40 milioni di euro ed è inserito tra le linee di intervento del Ministero dello sviluppo economico nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, che prevede complessivamente 400 milioni di euro a sostegno dell’imprenditoria femminile.

-FONDO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CREATIVE

Il Fondo per le Piccole e medie imprese creative mette a disposizione 40 milioni di euro per la realizzazione di progetti di investimento e di programmi di investimento nel capitale di rischio a supporto delle attività di impresa dirette allo sviluppo, alla creazione, alla produzione, alla diffusione e alla conservazione dei beni e dei servizi che costituiscono espressioni culturalo, artistiche o altre espressioni creative e, in particolare, quelle relative all’architettura, agli archivi, alle biblioteche, ai musei, all’artigianato artistico, all’audiovisivo, compresi il cinema, la televisione e i contenuti multimediali, al software, ai videogiochi, al patrimonio culturale materiale e immateriale, al design, ai festival, alla letteratura, alla musica, alle arti dello spettacolo.

-FONDO PER GLI INVESTIMENTI INNOVATIVI DELLE IMPRESE AGRICOLE

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 5 milioni di euro a favore delle PMI agricole attive nel settore della produzione agricola primaria, della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli.
Le agevolazioni consistono in un contributo a fondo perduto di importo massimo di 20 mila euro per l’acquisto e l’installazione di nuovi beni strumenti, materiali e immateriali.
Le modalità e i termini di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento ministeriale.

-FONDO PER LO SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE E DELLE APPLICAZIONI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE, BLOCKCHAIN E INTERNET OF THINGS

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha firmato il decreto attuativo del Fondo per lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things, che mette a disposizione 45 milioni di euro per sostenere con finanziamenti agevolati la realizzazione dei progetti innovativi, che potranno essere ulteriormente incrementati attraverso contributi volontari di enti, associazioni, imprese e singoli cittadini. Inoltre potranno essere combinati con fondi e risorse nazionali o comunitarie in modo da favorire l’integrazione con i finanziamenti di ricerca europei e nazionali.
Con un successivo provvedimento ministeriale saranno rese note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere i finanziamenti agevolati, che potranno essere presentate da soggetti pubblici o privati, anche in forma congiunta tra loro.

-CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L’IMPRESA CONCIARIA

Il MISE ha attivato una misura destinata alle imprese appartenenti ad un distretto conciario sul territorio nazionale che presentano, singolarmente o in modalità integrata di filiera, progetti d’investimento in grado di accrescere la competitività attraverso l’introduzione di processi produttivi digitali e innovazioni di prodotto.

Sono ammissibili progetti di valore compreso tra i  50 e i 200 mila euro, che includono anche attività di ricerca industriale o sviluppo sperimentale, nonché garantiscono la sostenibilità ambientale degli investimenti. La soglia massima delle spese ammissibili si innalza invece a 500 mila euro per progetti integrati di distretto che presentano determinate caratteristiche.

Si attende la pubblicazione del provvedimento ministeriale con il quale verranno  definiti i termini e le modalità per richiedere il contributo a Invitalia.

-VOUCHER PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

Il MISE mette a disposizione 609 milioni di euro per le imprese che potranno beneficiare di un voucher che potrà essere di diverso importo, da un minimo di 300 euro a un massimo di 2.000 euro, e di diversa durata del contratto, da un minimo di 18 mesi a un massimo di 36 mesi, finalizzato a garantire l’incremento della velocità di connessione, da 30 Mbit/s a oltre 1Gbit/s. Inoltre, nel caso di passaggio a connessioni a 1 Gbit/s, il valore del voucher potrà essere aumentato di un ulteriore contributo del valore massimo di 500 euro, per la copertura di parte dei costi sostenuti dalle imprese beneficiarie e giustificati dagli operatori.

-CONTRIBUTI PER L’ACQUISTO DI PRODOTTI RICICLATI

Le imprese che impiegano materiali e prodotti che derivano, per almeno il 75% della loro composizione, dal riciclo di rifiuti o di rottami, possono presentare istanza per le spese sostenute nel 2020. Le domande devono essere presentate esclusivamente in formato elettronico, tramite la piattaforma informatica Invitalia PA Digitale fino alle ore 12 del 21 febbraio 2022.

Il contributo prevede un rimborso sotto forma di credito d’imposta, pari al 25% della spesa sostenuta per l’acquisto dei prodotti riciclati, fino a un importo massimo di 10 mila euro per ciascun beneficiario, corrisposto secondo l’ordine di presentazione delle domande ammissibili, nel limite complessivo di 10 milioni di euro.

INCENTIVI AUTOTRASPORTO 2021-2022

Il Ministero delle Infrastutture e delle Mobilità Sostenibili (MIT) mette a disposizione 100 milioni di euro per incentivare l’acquisto, da parte delle imprese di autotrasporto, di mezzi ecologici e tecnologicamente avanzati così da rinnovare il parco veicoli riducendo l’inquinamento e aumentando la sicurezza sulle strade.
In particolare, il decreto per gli “Investimenti ad alta sostenibilità” mette a disposizione delle imprese di autotrasporto 50 milioni di euro per gli anni dal 2021 al 2026 esclusivamente per l’acquisto di veicoli ad alimentazione alternativa, ecologici di ultima generazione, in particolare ibridi (diesel/elettrico), elettrici e a carburanti di ultima generazione (CNG, LNG).
L’altro decreto, per gli “Investimenti finalizzati al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicoli”, mette a disposizione ulteriori 50 milioni di euro per il biennio 2021-2022 per incentivare la sostituzione dei mezzi da parte delle imprese di autotrasporto, rottamando quelli più inquinanti e meno sicuri. Questo decreto riserva una quota di 35 milioni di euro per l’acquisto di mezzi diesel Euro 6 solo a fronte di una contestuale rottamazione di automezzi commerciali vecchi e inquinanti.

 

Lo staff di Professione Impresa, come sempre, è a Vostra disposizione per fornirvi ulteriori dettagli sulle nuove misure di incentivo e per supportarvi nella presentazione delle domande di contributo.

Contattaci!

Tel: +39 346 2607767

E-mail: info@professioneimpresa.eu